Edificio dell'Assemblea Nazionale della Nigeria ad Abuja, Nigeria
L'edificio dell'Assemblea Nazionale della Nigeria ad Abuja, nel Territorio Federale della Capitale. Fotografia per gentile concessione di Wikimedia Commons.

Nota dell'editore: Quest'anno invitiamo i membri di lunga data della IARJ di tutto il mondo a scrivere rubriche occasionali sulle loro prospettive sulla religione. Queste rubriche sono raggruppate sotto la categoria Notizie e opinioni della IARJ.


La Nigeria ha la più grande popolazione nera del mondo ed è la più grande democrazia nera del mondo, ma è anche una delle democrazie più complicate dal punto di vista religioso.

La nazione, che conta 206 milioni di persone, è divisa da linee religiose. Il World Factbook 2018 della CIA stima che i musulmani siano il 53,5% della popolazione e i cristiani il 45,9%, anche se ci sono controversie su questi numeri.

La Nigeria ha molti Stati tradizionalmente musulmani e altri tradizionalmente cristiani. Le differenze culturali e geografiche tra questi gruppi influenzano i comportamenti politici dei loro aderenti. Purtroppo, la violenza elettorale, legata alla religione, non è stata rara.

In un rapporto ben pubblicizzato, un aspirante presidente del partito di governo nigeriano, l'All Progressives Congress, Bola Tinubu, quest'anno ha chiesto al Consiglio supremo per la Shari'ah del Paese di formare un dipartimento di affari politici per creare una consapevolezza politica tra i fedeli al fine di produrre un presidente musulmano nel 2023.

Parlando alla Conferenza nazionale annuale e alla riunione pre-Ramadan del Consiglio supremo per la Shari'ah in Nigeria (SCSN), Tinubu ha detto che i musulmani non possono permettersi di essere lasciati indietro nella partecipazione politica a livello nazionale.

Altri gruppi religiosi hanno iniziato la sensibilizzazione politica creando dipartimenti o direzioni politiche al loro interno per promuovere i propri, ha detto. Dovreste creare un'ala politica tra di voi, in modo da favorire la vostra partecipazione alla politica. Sarà una buona piattaforma per sostenere i vostri fratelli che sono in lizza per posizioni politiche.

Una settimana prima, anche una delle più grandi denominazioni del Paese, la Redeemed Christian Church of God (RCCG), ha creato l'Ufficio della Direzione della Politica. In un messaggio di alto profilo, la denominazione, guidata dal pastore Enoch Adeboye, ha dichiarato che il nuovo direttorato è stato creato per coordinare gli affari e le attività dei membri interessati a cercare cariche politiche nel 2023.

La Nigeria è una repubblica federale composta da 36 Stati e dal Territorio Federale della Capitale. I movimenti politici del Paese operano nell'ambito di una repubblica federale, presidenziale e democratica rappresentativa. Il potere legislativo è detenuto dalle due camere della legislatura: la Camera dei rappresentanti e il Senato, con un Presidente e un Vicepresidente a capo del governo.

Sotto il suddetto costrutto, tuttavia, c'è un fondamento religioso. Se il presidente è cristiano, il vicepresidente deve essere musulmano. E viceversa.

Negli Stati largamente popolati da una particolare religione, spesso è una setta o una denominazione a farla da padrona. Ci sono Stati che sono sempre stati governati da musulmani sunniti e altri che sono sempre stati governati da cristiani cattolici o da un particolare gruppo evangelico.

I cristiani nigeriani e i missionari europei hanno svolto un ruolo cruciale nel periodo di rapidi cambiamenti politici che hanno portato all'indipendenza della Nigeria, soprattutto nel sud. Nella maggior parte del nord, l'Islam era ampiamente praticato dalla popolazione, in gran parte musulmana. I primi tempi di intensa rivalità politica tra gruppi religiosi, etnici e minoranze sono rimasti e si sono rafforzati.

La violenza è spesso il prodotto finale di questa storia. Anche se le cifre variano, secondo la Nigerian Civil Society Situation Room, si stima che 626 persone siano state uccise in tutta la Nigeria nei sei mesi precedenti le elezioni del 2019. Nelle elezioni del 2011 sono state uccise 800 persone.

I giornalisti e gli scrittori che si occupano di religione possono svolgere un ruolo fondamentale nell'educazione di una popolazione che ha una forte inclinazione religiosa, anche se la Costituzione della Nigeria afferma che si tratta di uno Stato laico. I media hanno l'opportunità di trovare modi per promuovere il buon governo e una forte etica democratica, priva di fraintendimenti religiosi.


Principe Charles Dickson Membro del consiglio di amministrazione della IARJ Nigeria

Prince Charles Dickson, residente in Nigeria, è membro del consiglio della IARJ. Lavora per Blueprint Newspapers e i suoi lavori sono pubblicati anche da Sun Newspapers, Guardian, The Nation e Daily Trust.