All'interno di una moschea

Dal terrore alla tolleranza: Come la mortalità dei credenti ha un impatto sulla salute globale, sulla civiltà e sulla fiducia sociale

Il sole batte su un tratto deserto del Boulevard des Martyrs in un venerdì pomeriggio di fine estate in questo quartiere popolare di Algeri.

Le porte arancioni che in altri giorni sarebbero state aperte alla folla che pranza da Pizza Mama sono chiuse, così come quelle di altre attività commerciali lungo l'arteria principale vicino al centro della capitale algerina.

Uomini e donne sono già al loro posto nei quattro piani della moschea Al-Bachir Al-Ibrahimi, mentre il muezzin intona il secondo appello alla preghiera. Una brezza proveniente dal Mar Mediterraneo rinfresca i funzionari pubblici, gli artigiani e i piccoli imprenditori ammassati spalla a spalla al terzo piano.

La preghiera Jummah è una parte fondamentale della vita musulmana. Il Profeta Maometto (Pace su di Lui) disse, Il giorno in cui il sole sorge meglio è il venerdì. L'insegnamento islamico dice che gli angeli stanno ad ogni porta della moschea registrando i nomi di coloro che entrano per la preghiera comune che unisce i musulmani di tutto il mondo.

I musulmani devoti come Rachid, 45 anni, si sentono sicuri e protetti all'interno della moschea durante la preghiera del venerdì.

Quando sono in buona relazione con Dio, non ho paura della morte. Mi capita di desiderare di morire mentre sto pregando, per andare da Allah senza peccati o con pochissime azioni cattive, ha detto. Ma quando manco ai miei obblighi religiosi, la paura della morte ritorna e addirittura si aggrava.

Non è solo.

In tutto il mondo, questo fine settimana miliardi di fedeli si recheranno in moschee, templi, chiese e altri luoghi di culto per ascoltare messaggi che dichiarano che le scelte fatte in questa vita possono influenzare il loro destino eterno.

Il modo in cui ciascuno di loro, e gli individui laici, affrontano la grande questione esistenziale del significato della vita di fronte alla mortalità può fare una grande differenza in settori che vanno dalla salute mentale alla prevenzione del terrorismo e alla promozione di società più generose e compassionevoli, meno inclini a sperimentare conflitti civili, come dimostra una nuova ricerca.

La religione può dare conforto, sicurezza e desiderio di aiutare gli altri agli individui che credono di essere assistiti da una divinità amorevole. Tuttavia, coloro che trovano Dio una figura distante e giudicante possono lottare con una paura e un'ansia costanti che possono portare alla sfiducia e all'intolleranza.

Affrontare la morte e la prospettiva del paradiso eterno o della dannazione eterna può essere una lotta che dura tutta la vita per molti individui religiosi.

La risposta della fede

La paura della morte è una preoccupazione quasi universale tra gli esseri umani. Il fatto che si spinga oltre l'ansia comune, fino ai disturbi depressivi e alle paure patologiche, può essere influenzato da diversi fattori, tra cui l'istruzione, la cultura e le condizioni psicologiche preesistenti.

Nel corso dei secoli, tuttavia, la religione è il modo principale con cui molte persone hanno affrontato la loro mortalità.

Quasi tutte le principali religioni del mondo danno una risposta all'esistenza di una vita dopo la morte.

In generale, le religioni insegnano che chi conduce una vita virtuosa e fedele, mostrando amore e compassione per gli altri, può guardare con speranza alla promessa di una vita di felicità eterna in comunione con il divino.

Coloro che conducono una vita egoista, ignorando il divino e i bisogni dell'umanità, devono affrontare la prospettiva di punizioni a volte terribili nella prossima vita.

Per i circa 4 miliardi di aderenti alle due più grandi religioni del mondo - il cristianesimo e l'islam - questa è la differenza fra cielo (Jannat) e L'inferno (Jahannam).

In modo un po' simile, religioni come l'induismo e il buddismo insegnano la reincarnazione dopo la morte, in cui l'anima assume una forma di vita diversa. In termini generali, la scelta di una forma di vita superiore o inferiore è legata alle azioni compiute in vita.

Quanto sono diffuse queste convinzioni?

In nazioni laiche come la Svezia, solo il 15 per cento riporta credere nell'inferno. Ma la storia è molto diversa nei Paesi con alte percentuali di credenti.

Un'indagine condotta nei Paesi islamici ha rilevato che meno del 4% degli intervistati ha dichiarato di non credere in paradiso o inferno. In Algeria, Il 99,8% degli adulti ha dichiarato di credere nel paradiso.mentre il 99,6% ha professato di credere nell'inferno. In India, il 91% credere nella reincarnazione. In Nigeria, 99 per cento degli adulti crede nel paradiso e il 93% crede nell'inferno.

La potenziale promessa di una vita eterna e migliore dopo la morte può fornire un potente senso di speranza e sicurezza di fronte alla mortalità, ha detto Benhaj, psicologo dell'Università di Algeri.

Ma c'è anche incertezza, poiché nella maggior parte delle religioni il giudizio finale sarà emesso da Dio, Allah o altre divinità.

Due sentimenti lottano all'interno della persona religiosa: La paura della morte, perché è una cosa sconosciuta e inesperta, e l'altro sentimento legato alla serenità, quando la morte significa per lui il passaggio a una vita migliore, ha detto.

Con l'eternità in gioco, nemmeno il culto cinque volte al giorno dall'età di 14 anni, come richiesto dalla sua fede islamica, può placare le paure di una persona come Radwan, un professionista dei media di 45 anni.

Quando prego regolarmente le cinque volte e non faccio cose proibite nella mia vita quotidiana, di solito mi sento più a mio agio con il fatto che sto per morire, dice.

Tuttavia, aggiunge, A volte, quando sono molto malato o corro un rischio di morte come quello che abbiamo incontrato durante il periodo degli anni Novanta, quando stavamo attraversando la guerra civile qui in Algeria, di solito mi spavento molto quando mi ricordo che non ho fatto la mia ultima preghiera o che ho avuto una relazione illecita con una ragazza. Sento rapidamente che devo pentirmi prima della morte, e qui la morte sarà una cosa molto spaventosa per me.

Perché l'ansia da morte è importante

Perché la fede aiuta alcune persone a diventare più amorevoli, gentili e sicure, mentre altre diventano più ansiose, intolleranti e timorose?

La ricerca sull'ansia da morte sta fornendo alcune risposte che vanno al di là di misure generali come l'affiliazione religiosa e la frequenza al culto, per trovare le ragioni più profonde per cui i credenti di tutte le fedi seguono questi percorsi diversi.

Considerate questi risultati in tre aree chiave:

Salute

La fede in Dio in sé potrebbe non essere così importante per ridurre l'ansia da morte, quanto piuttosto l'immagine di Dio che i credenti hanno e il loro rapporto con il divino.

Le ricerche suggeriscono che una minore ansia da morte è associata a un'immagine di Dio come divinità amorevole che si prende cura di loro come individui.

Ciò che può essere particolarmente utile per affrontare l'incertezza di non conoscere il proprio destino eterno è la fede in un Dio misericordioso.

Sentirsi perdonati da Dio è la chiave per risolvere il dilemma creato dalla necessità di essere all'altezza degli insegnamenti religiosi e dal non riuscire a farlo in ogni occasione, suggerisce uno studio che ha rilevato che il perdono divino è associato a una minore ansia di morte.

Fa anche differenza che i credenti siano sinceri nella loro fede e non pratichino per motivi esterni, come l'accettazione sociale e l'avanzamento.

Più si è religiosi e ci si preoccupa delle pratiche religiose, meno si ha paura della morte: è quanto emerge da uno studio condotto su 394 studenti dell'Università Al-Azhar di Gaza. I risultati potrebbero essere spiegati dal sentimento di preparazione per la vita dopo la morte in cui le persone con buone azioni, secondo gli insegnamenti islamici, avranno una vita migliore.

L'ansia da morte non è solo una questione di salute individuale.

Gli studi indicano che una relazione con un Dio amorevole permette ai morenti di affrontare la fine con pace e speranza, mentre coloro che sono più ansiosi di morire cercheranno un'assistenza sanitaria più aggressiva per prevenire la morte ad ogni costo. Ciò aggiunge un onere sostanziale ai sistemi sanitari che già spendono eccessivamente in misure estreme per prolungare la vita, sottraendo risorse che possono essere utilizzate per le cure preventive e per soddisfare i bisogni di popolazioni vulnerabili come i bambini e i poveri che hanno un accesso limitato all'assistenza sanitaria.

Tolleranza

La teoria della gestione del terrore avanza l'idea che gli individui trovino la sicurezza esistenziale - compresa la promessa della vita eterna - nella propria visione religiosa del mondo. Per molte persone, questo si tradurrà in una maggiore ostilità nei confronti di persone di altre fedi che hanno credenze diverse che possono essere viste come una sfida o una minaccia per le proprie convinzioni.

Questo tipo di opinioni può essere utilizzato per promuovere pregiudizi e preconcetti nei confronti di altre fedi. Al limite, come testimoniano le violenze religiose che hanno sconvolto regioni come i Balcani, il Medio Oriente e l'Africa subsahariana, queste opinioni possono essere manipolate per avallare atti di terrore contro innocenti.

Ad esempio, l'idea promossa da gruppi terroristici come l'ISIS che gli attentati suicidi possano garantire un posto immediato in paradiso può essere un messaggio attraente per gli individui con un'elevata ansia di morte.

Ma la fede può anche svolgere un ruolo speciale nel ridurre l'ansia della morte e nel promuovere la tolleranza, come suggeriscono gli studi.

Uno studio ha rilevato che la chiave di una maggiore tolleranza e di una minore ansia da morte ruota intorno al significato della religione nella loro vita.

Gli individui che hanno dichiarato di cercare di condurre tutta la loro vita secondo le loro convinzioni religiose e spirituali sono stati minore ansia di morte e sono più propensi a vedere il valore di altre culture e costumi e ad esprimere apertura nei confronti dell'immigrazione.

In studi separati condotti nel Regno Unito e in Italia, le preoccupazioni sulla mortalità hanno portato a maggiore pregiudizio contro i musulmani solo tra coloro che non sono affiliati a una religione.

Nell'identificare la propria affiliazione religiosa, i credenti potrebbero essere stati più sensibili alle norme della loro fede in materia di tolleranza, hanno osservato i ricercatori.

Bene sociale

La paura dell'inferno e della punizione divina non è del tutto negativa.

Gli studi dimostrano che una maggiore religiosità, compresa la fede nell'Inferno, è associata a meno tradimenti, menzogne e violenza. crimine.

Ma l'ago della bilancia si sposta verso il bene quando le persone abbracciano valori religiosi come la generosità, il perdono e l'umiltà, che sono tutti collegati a una minore ansia di morte.

In uno studio che ha analizzato i dati del Sondaggio sulla religione 2010 di BaylorLa credenza nella vita eterna era associata a credere in un mondo equo in cui tutto è possibile, e correlato negativamente al cinismo per il fatto che solo poche persone potenti esercitano il controllo.

Le credenze ottimistiche sull'aldilà erano associate a credenze positive sul mondo, I ricercatori hanno affermato che.

Mosque exterior

Andare avanti

La paura di morire non è un argomento facile da affrontare. Molti individui religiosi temono che ammettere le loro lotte divine possa essere interpretato come un segno di mancanza di fede.

E la cultura secolare offre un'infinità di diversivi, dai social media ai servizi di video in streaming, per distogliere le persone dalla contemplazione della propria mortalità.

Come possono quindi i professionisti medici e i leader religiosi aiutare le persone che soffrono di ansia da morte?

In primo luogo, i ricercatori affermano che devono lavorare insieme.

Per i leader religiosi, questo significa essere disposti a indirizzare ai medici le persone con gravi problemi di salute.

Nella professione medica, gli psicologi e gli altri operatori devono riconoscere l'importanza della religione nella vita degli individui quando trattano l'ansia da morte.

Per entrambi i gruppi, questo può spesso significare affrontare il timore che gli individui non siano ritenuti degni della vita eterna, attraverso azioni come l'indicazione di testi scritturali e insegnamenti religiosi che sottolineano l'amore e la misericordia di Dio.

Fouzia, una madre di tre figli di 42 anni che indossa l'Hijab fin da piccola, ha detto che ascoltare i predicatori del Medio Oriente che si concentrano sulla morte e sulle punizioni che attendono le persone che peccano ha contribuito alla sua paura quasi ossessiva della morte.

The fear of dying unprepared consumes her. Simple daily events – phone beeps, a bird landing on her window, a light going out – are interpreted as signs from Allah to prepare herself for death.

Ben Ahmed, 45, a volunteer preacher from east Algiers, sees people coming to the mosque every day who can only see themselves as sinners.

I guess this is a result of some hardliner preachers who would picture Allah as a punishing creator. These preachers would select some texts in which Islam tries to push people from committing grave sins, and then they would not mention how merciful Allah is, ha detto.

A significant way to reduce death anxiety and intolerance is to assure people of divine love and justice, Ben Ahmed said.

Preachers and imams should make worshippers build a positive relationship with Allah. The way to do this is to focus more on rewards Allah said He should give believers, ha detto.

At the Al-Ibrahimi mosque, where the minaret reaches up to the sky from one of the highest points in Algiers, the service on this Friday concluded with a reminder of the need to prepare oneself for the next life.

Images of mercy angels and the soul ascending to heaven were mixed with images of death angels confronting believers regarding their life on Earth.

It is a delicate balance for religious communities, warning of the eternal consequences of doing bad, and encouraging their members to overcome what for many is their greatest fear – death.

But the world can be transformed the more love casts out fear, research finds.

For believers, doing good is the best [reward] and extra, according to the Qu’ran.

No darkness will cover their faces, nor humiliation. Those are companions of Paradise; they will abide therein eternally.

Larbi Megari Is a television journalist and freelance writer based in Algeria.

Mosque images copyright Larbi Megari

Image by Joshua Earle [CC0 Public Domain], via Pexels

Risorse

  • Associazione degli archivi di dati sulle religioni: Cerca quasi 1.000 indagini e trova le citazioni di diverse centinaia di articoli di riviste per ottenere informazioni complete su argomenti quali cielo e L'inferno.
  • Profili nazionali ARDA: View religious, demographic, socio-economic and public opinion data for all nations with populations of more than 2 million. Public opinion tab includes data on beliefs regarding life after death.

Articoli

Libri